Perché allenarsi al Public Speaking?

La voce dice sempre di me e per me, ciò che sono e ciò che faccio.

Chi riesce a dire bene la propria idea ed ad essere ascoltato, accresce l’autostima, forza necessaria per riuscire a dare voce al mondo invisibile dei pensieri così da renderli realtà condivise e a genere ben-essere economico, relazionale, sociale.
Talvolta accade che emozioni e preoccupazioni, ostacolano il fluire dei concetti e la parola si blocca, l’eloquio diviene intermittente, si svicola nel silenzio, si alimentano pre-giudizi verso se stessi ed il contesto.

Allenandosi a parlare in pubblico, ciascuno può rendere virtuoso questo circolo!

Da anni, lavoriamo per lo sviluppo del “public speaking” attraverso l’applicazione dei principi della maieutica e della psicofonia: conoscere il proprio strumento voce, essere consapevoli delle sue potenzialità, sapere come allenare la voce per utilizzarla al meglio nello svolgimento della professione, e in generale nelle attività sociali.

metodo PARLARE in PUBBLICO

Il Metodo Siforma per "Parlare in pubblico"

Il lavoro sul public speaking, secondo tale impostazione, tende a riequilibrare la persona, sintonizzandola con le sue risorse comunicative, apprendere a valutarle e saperle esprimere. Ri-conoscere la potenza della propria voce consente di fronteggiare, con la giusta presenza, le situazioni socio-relazionali le quali dipendono, in buona parte, dal modo in cui si parla (ad es. gestire un gruppo di lavoro, relazionare dati, coordinare riunioni, presentare prodotti e o risultati, confrontarsi per accordarsi su proposte e progetti etc)

Chi utilizza bene la voce è capace di praticare una corretta respirazione, agire l’intelligenza corporea attraverso i cinque sensi, con i quali si stabilisce il contatto tra l’interno e l’esterno, voce interiore e voce parlata.

public-speaking-leve-formazione-siforma

Le aree del parlare in pubblico che trattiamo e le caratteristiche della persona su cui facciamo leva per migliorare

 

In particolare il training agisce su 2 aspetti per

Competenze socio-relazionali

  • migliorare il tempo di conferimento/presentazione/illustrazione etc
  • rendere l’eloquio più fluido, riducendo le interruzioni e l’utilizzo di intercalari
  • rimanere centrati sul tema sul quale si sta parlando
  • procedere gradualmente ( inizio/corpo del discorso/conclusione)
  • saper sostenere una propria tesi

 

Empowerment

  • Apprendere a modulare con il respiro diaframmatico la propria voce per ridurre gli eccessi: toni aggressivi/vittimistici, volume alto/basso, ritmo veloce/lento
  • Diventare consapevoli dell’area di miglioramento
  • Saper fare un’autodiagnosi (l’eloquio è disturbato dall’emozione o dalla mancanza di contenuti?) per diventare più autonomi nell’apprendimento e nella pratica espressiva 
  • Saper distinguere tra fatti ed opinioni, tra emozione e pensiero

Nei moduli didattici trattiamo i seguenti contenuti:

  • Il public speaking e la comunicazione efficace
  • Il ciclo della comunicazione; ascolto/osservazione/ espressione
  • Differenza tra osservazione ed interpretazione: linguaggio denotativo e connotativo
  • L’uso della voce (approfondimento della strumento voce secondo i principi della psicofonia: allenamento sul respiro, base e consistenza della voce
  • Le caratteristiche della voce: suono/timbro/ volume/ritmo/melodia
  • Linguaggio non verbale (Sguardo,postura,gestualità. Presenza e movimento nello spazio)
  • L’intelligenza emotiva e la gestione delle emozioni attraverso il veicolo della voce
  • La gestione dello stress (Energia del corpo e della mente:respirazione, rilassamento, visualizzazione)
  • Costruzione del discorso (Fasi di preparazione. Struttura : introduzione, sviluppo , conclusione)

Svolgiamo Allenamenti sulle diverse tipologie di discorso

  • Relazionare: come illustrare il nocciolo del ragionamento, dati, fonti e fatti.
  • Parlare a braccio: come intervenire in una discussione e rappresentare interessi in una riunione
  • Il racconto e la metafora: come catturare l’attenzione dell’uditorio sollecitando emozioni, ricordi e connessioni mentali
  • La gestione del contradditorio: come esprimere il proprio punto di vista, riconoscere quello altrui e saper dibattere
  • Fare un discorso pubblico: come entrare, mantenere la scena, parlare, auto valutarsi ed essere valutati.

Qui qualche informazione in più sulla proposta formativa "PARLARE in PUBBLICO"  e una cronologia dell'esperienza sul campo:

  • 2013 gennaio: I edizione di "PARLARE in PUBBLICO"
  • 2013 novembre: II edizione di "PARLARE in PUBBLICO"
  • 2014 novembre: III edizione di "PARLARE in PUBBLICO"
  • 2015 novembre: IV edizione di "PARLARE in PUBBLICO"
  • 2015 marzo: V edizione di "PARLARE in PUBBLICO"
  • 2016 novembre:  VI Edizione di "PARLARE in PUBBLICO"